Riscaldamento a Pavimento e Pannello Solare Termico, calore gratis per l’inverno

Avere calore gratis per la propria casa si può con l’ accoppiata Pannello solare termico e riscaldamento a pavimento con pannelli radianti. Bollette del gas azzerate per sempre e niente emissioni di anidride carbonica. In pratica l’energia per riscaldare l’acqua del circuito dei tubi presente sotto il pavimento viene fornita dal sole e convertita tramite i pannelli solari termici (a patto di godere di esposizione a sud e spazio per l’installazione).

Bisogna installare sul tetto il collettore solare che sarà collegato, tramite tubazione, al sistema radiante installato sotto il pavimento. La caldaia a gas può essere utilizzata come supporto per riscaldare l’acqua in giornate con poca insolazione e la notte.

Come funziona?

per riscaldare l’acqua con il sole sono sufficienti un collettore (il pannello solare), un serbatoio per contenere l’acqua calda isolato termicamente, un circuito di collegamento tra questi due sistemi ed il nostro sistema di riscaldamento a pavimento. Ovviamente è tutto semplificato, ci sarà bisogno di valvole, sistemi di controllo della temperatura ecc.

La quantità di calore che potrà fornire il sistema solare termico dipende dalla quantità di irraggiamento del sole. In questo caso conta la zona ed il tipo di giornata (sole, parzialmente nuvoloso, nuvoloso). Durante la notte i pannelli solari non forniranno energia ma quella accumulata durante il giorno basterà per il sistema di riscaldamento a pavimento.

Tipicamente un impianto solare termico per un appartamento di 100 mq richiede circa 6mq di pannelli e l’insolazione media giornaliera che giunge su 1mq di superficie varia dai 4 ai 5kwh nell’ Europa centrale e quella del bacino mediterraneo.

I collettori solari da usare

:
-collettori scoperti: sono quelli più semplici, composti da tubi neri di polipropilene, neoprene, cloruro di polivinile (pvc) o metallo attraverso i quali circola l’acqua. Non c’è isolamento termico è quindi le temperature che si possono raggiungere sono limitate a 20 gradi al di sopra della temperatura ambiente quindi poco utilizzato per il sistema di riscaldamento a pavimento.
-collettori vetrati piani: quelli più utilizzati e di facile accesso per il prezzo relativamente basso. Possono raggiungere temperature al di sopra di 70 gradi di quella ambiente. Consistono in un materiale isolante con un lato trasparente realizzato in vetro o plastica.All’ interno del contenitore c’è una lastra nera piatta che assorbe l’energia solare. L’acqua riceve calore scorrendo attraverso e sopra questa lastra assorbente e si riscalda.
-collettori sotto vuoto: sono i più costosi, composti da una serie di tubi ed un assorbitore (lastra di metallo nera) che raccoglie energia solare e la trasferisce al fluido che trasporta calore. Grazie alle proprietà isolanti dello spazio vuoto si possono raggiungere temperature di circa 100 gradi sopra quelle ambiente.

Abbiamo parlato di bollette azzerate, in realtà potrebbe essere prevista, ed è un bene, l’installazione di una caldaia a gas che integri i pannelli termici in caso di insufficienza solare. Ovviamente potremo beneficiare anche di acqua calda ad uso sanitario. C’è da ricordare che anche per l’installazione del solare termico potremo godere delle detrazioni del 55% che a partire dal 2011 sono spalmate su 10 anni anzichè 5.

Prezzo di un impianto con pannelli solari termici

i costi variano a seconda del sistema di riscaldamento a pavimento da alimentare e quindi dall’ ampiezza dei pannelli solari e dal serbatoio. In maniera orientativa per una casa di 100mq potrebbero bastare 3500 euro. Ovviamente non includiamo le eventuali opere di smantellamento del precedente pavimento.

Detrazioni fiscali

sono previste anche per il 2016 (legge di stabilità del 15 ottobre 2015) le detrazioni fiscali del 65% per 10 anni per opere di risparmio energetico. In pratica ogni anno potete portare in detrazione il 65% della spesa sostenuta diviso 10.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *