Vantaggi e Svantaggi del riscaldamento a Pavimento

Non esiste il sistema ideale per avere calore all’interno della nostra casa, ne esisterà uno però adatto alle nostre esigenze e al nostro tipo di appartamento. Anche il riscaldamento a pavimento , a pannelli radianti hai i suoi pro e contro come, alla stessa maniera, ne hanno i classici termosifoni, i condizionatori a pompa di calore, le stufe a pellet, a condensazione ecc.

Iniziamo da un presupposto: stiamo ristrutturando la casa? Dobbiamo rifare il pavimento? In questo caso partiamo già avvantaggiati visto che il riscaldamento a pavimento si inserisce sotto il massetto ed in questo caso l’opzione verrebbe naturale. Potremo approfittare delle detrazioni al 36% sulle ristrutturazioni e addirittura del 55% sul risparmio energetico, vedere il post sulle agevolazioni fiscali per il riscaldamento a pavimento. Ricordiamo anche che un sistema a pannelli radianti può essere montato anche su un pavimento pre esistente senza rompere nulla, ma semplicemente utilizzando un pavimento a secco appoggiato sopra.

Nelle nostre case a partire dagli anni 50, con il grande boom edilizio, vengono installati i termosifoni in ghisa poi perfezionati con l’utilizzo di altri tipi di metalli più leggeri e con maggiore conduttività. La comodità passando dalle stufe a gas e dai camini si fa sentire, ma ora si può guardare oltre.

Vantaggi del riscaldamento a pannelli radianti a pavimento

principalmente i motivi per cui si sceglie questa soluzione sono un risparmio energetico sulla bolletta del gas e una maggiore uniformità nel riscaldamento con un irraggiamento del caldo perfettamente diffuso in tutti gli ambienti della casa.

  • Andiamo al cuore del problema, quello del risparmio energetico che si ottiene con il riscaldamento a pavimento: per riscaldare l’acqua del circuito (se invece verranno usate resistenze elettriche si userà la corrente) si possono utilizzare tutte le fonti di energia disponibili. Dal solare termico al gas per la casa. Comunemente si usa quest’ultima soluzione. A differenza dei termosifoni qui basterà un temperatura di 30 gradi per portare 19 gradi di calore in casa. Capite bene che c’è differenza energetica nell’ ottenere da una caldaia 60-70 gradi (quella utilizzata per i termosifoni) oppure 30, specialmente se si utilizza una caldaia a condensazione
  • Silenzioso e senza polvere.Dal momento che l’aria calda non viene soffiata in tutta la casa, i germi dispersi nell’aria, il polline e la polvere sono molto ridotti. Qui il confronto è fatto con i termoconvettori o termosifoni elettrici.
  • il pavimento non sarà mai bagnato o umido, anche d’inverno se passate lo straccio si asciugherà in 5 minuti senza dover aprire le finestre. Ideale quando fate la doccia nel bagno
  • potete camminare scalzi anche d’inverno perchè percepirete sempre calore dal pavimento quindi anche i bimbi possono tranquillamente giocare per terra senza sentire freddo
  • recupero dello spazio all’ interno della casa e delle pareti non più occupate dai termosifoni
  • ideale per chi soffre di asma e allergie, riduce polvere e acari
  • non ci saranno più zone della casa dove il calore si percepisce di meno o di più (maggiore uniformità)

Svantaggi

  • costo di installazione maggiore rispetto ai tradizionali termosifoni
  • la casa si riscalda in più tempo dal momento dell’accensione. Questo dipende dal materiale utilizzato per i pavimenti. Con alcuni tipi di parquet si può arrivare a temperatura anche in poco più di un’ora, altrimenti ce ne vogliono 7 o 8.
  • l’utilizzo dei tappeti non è consigliato perchè non farebbero passare il calore
  • la caldaia è sempre in funzione

I vecchi sistemi di riscaldamento a pavimento non erano consigliati per coloro che soffrivano di problemi circolatori o vene varicose. Il problema è stato superato con i moderni sistemi che ncessitano di temperature minori per riscaldare la casa.

9 thoughts on “Vantaggi e Svantaggi del riscaldamento a Pavimento

  1. salve, stiamo ristrutturando un appartamento per usare alcune stanze come bed and breakfast e ci chiedevamo se il riscaldamento a pavimento fosse la scelta adatta a noi. Poichè all’inizio dell’attività in inverno avremo (presumiamo) le stanze occupate solo nei fine settimana, ci chiediamo se tale riscaldamento può essere spento e acceso solo quando serve nelle stanze e quanto tempo ci può mettere a far raggiungere una temperatura ottimale.
    ci chiediamo inoltre se accendere e spengere il riscaldamento porta a maggior consumo piuttosto che lasciarlo sempre acceso al minimo.
    grazie per l’aiuto! :-)

    • Si può programmare l’accensione al mattino presto, tipo alle 5, ed avere la camera calda per le 11 e spengere la domenica quando gli ospiti partono. Solitamente nei riscaldamenti a pavimento la caldaia rimane accesa al minimo, ma nel vostro caso sarebbe meglio spengere, visto che 4 giorni senza ospiti significherebbe un esborso troppo grande ed uno spreco. Potete prevedere una caldaia unica con doppio impianto, uno per voi che vivete nella stessa casa ed uno solo per le stanze del b&b.

  2. Salve,

    sono a restaurare casa, e molti mi stanno consigliando il riscaldamento a pavimento.

    E’ possibile fare riscaldamento a pavimento e nel bagno inserirci anche un termoarredo?

    Ci sono caldaie a condensazione a pellet?

    Le consigliate le caldaie a pellet per il riscaldamento a pavimento?

    In zona Firenze avete dei rivernditori autorizzati per un preventivo?

    Grazie

    Lelli

  3. devo ristrutturare una parte della casa,piano terra.c è umidità,nn poca.consiglia un riscaldamento a pavimento?l umidità nn evaporerà se riscaldo a terra?

  4. Buongiorno,
    sono in procinto di acquistare una casa (100mq) totalmente da ristrutturare ad un ultimo piano nel centro storico di Genova e volevo capire meglio, visto che si dice tutto ed il contrario di tutto, il costo effettivo del riscaldamento a pavimento(con caldaia a condensazione): possibilità di accendere l’impianto poche ore prima del nostro arrivo (in modo da avere la casa calda dalle 17/18 alle 23/24) poichè se la caldaia rimane accesa sempre per 5 mesi l’anno non è un esborso rispetto ai termosifoni? c’è qualche studio o tabella di riferimento riguardo i costi di un impianto radiante a pavimento rispetto al sistema tradizionale a termosifoni? io non lo farei tanto per guadagnare, ma più per il confort..però se devo spendere molto di più in bolletta..
    grazie mille per la cortese risposta
    Fabio

  5. Buongiorno,
    sono in procinto di acquistare un nuovo appartamento e sono indeciso sul riscaldamento a pavimento.
    Nel mio caso sono tutto il giorno fuori casa e vivrei il mio nuovo appartamento soltano il sabato e la domenica a giornata piena e le ore serali durante la settimana, e molti mi dicono che il riscaldamnto a pavimento è ottimale in condizioni di vivere l’appartamento tutta la settimana per orari prolungati, ma per quanto riguarda il mio caso sarebbe meglio il riscaldamento tradizionale visto le poche ore che trascorrerei in casa, e che quindi la spesa del riscaldamento a pavimento sarebbe inutile ed il risparmio energetico vanificato visto che il riscaldamento a pavimento deve stare sempre acceso anche se a temperatura minima.
    Cosa mi consiglia?
    Grazie anticipatamente.

    • Siamo d’accordo con l’analisi fatta da lei. Visto che “vive la casa” soltanto i weekend e la sera potrebbe pensare ai condizionatori in pompa di calore, sfrutterebbe le fasce biorarie in cui l’energia elettrica costa di meno. I nuovi split inverter in classe A+++ hanno un COP molto elevato e consumano veramente poco riscaldando l’ambiente in 10 minuti, una valida alternativa ai termosifoni.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *